Valeria Tatano

Valeria Tatano (Venezia, 1964), laureata in Architettura allo Iuav nel 1989, Dottore di ricerca in Tecnologia dell’architettura presso il Politecnico di Milano, ricercatore dal 1994 al 2002, è attualmente professore ordinario di Tecnologia dell’architettura presso l’Università Iuav di Venezia, dove insegna Progettazione tecnologica.

Si occupa di sicurezza in uso e al fuoco, di design for all e di tecnologie innovative nel rapporto tra architettura e tecnica, in particolare per quanto riguarda i temi del progetto consapevole. Ha condotto ricerche sul tema delle facciate vegetali e dei tetti pensili, anche come responsabile di assegni di ricerca.

È responsabile scientifico di ArTec, l’Archivio delle tecniche e dei materiali per l’architettura e il disegno industriale del Sistema Laboratori dell’Università Iuav di Venezia (www.iuav.it/artec). È stata responsabile scientifico del corso di dottorato di ricerca sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro finanziato dall’INAIL nel 2008-2010, ed è membro del Collegio dei docenti della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia.

È autore di libri e saggi incentrati sui temi di ricerca, tra i quali si ricordano:

– N. Sinopoli, V. Tatano (a cura di), Sulle tracce dell’innovazione tra tecniche e architettura, Franco Angeli, Milano, 2002.

– V. Tatano (a cura di), Materiali naturartificiali. Tendenze innovative nel progetto di architettura, Officina, Roma, 2006 (a cura di).

– V. Tatano (a cura di), Verde: naturalizzare in verticale, Maggioli, Rimini, 2008.

– V. Tatano (a cura di), Oltre la trasparenza. Riflessioni sull’impiego del vetro in architettura, Officina, Roma, 2008.

– (con Massimo Rossetti), Schermature solari. Evoluzione, progettazione e soluzioni tecniche,  Maggioli, Rimini, 2012.